Raggio: Chiuso
Raggio: km
Set radius for geolocation
EtnoMuseo Monti Lepini

EtnoMuseo Monti Lepini

Sto caricando…

L’EtnoMuseo Monti Lepini, inaugurato l’11 dicembre 1999, ha sede nel Palazzo Baronale di Roccagorga (più precisamente, nelle stanze che erano una volta gli scantinati del palazzo). Il progetto museografico di Vincenzo Padiglione prevede il superamento del tradizionale museo oggettuale, per aprirsi soprattutto agli aspetti culturali immateriali.
Il percorso si sviluppa in sette sezioni: Quelli della Rocca, Cinema Splendore, Pasqua Rossa, Habitus, Grani di Storia, Garage Cultura, Noi Loro.
Nelle pareti della scala d’ingresso emergono tre sculture che richiamano temi portanti del Museo: le lotte sociali, l’emigrazione, la modernizzazione.
In un lungo corridoio (Quelli della Rocca) centinaia di quadretti raffigurano i diversi soprannomi in uso a Roccagorga. In una sala è stato ricostruito il cinema Splendore di Roccagorga con tutti i suoi arredi. In un altro ambiente (Habitus) è stato immaginato un luogo aperto, con una parete di roccia e un muro a secco e soprattutto una tipica capanna lepina costruita con pietra, legno e stramma. Nella sala Grani di storia tutto è costruito a partire dalle ruote, come mezzo di lavoro e di trasporto. In Pasqua rossa viene ricordato l’eccidio del 6 gennaio 1913, in cui un moto di protesta si concluse drammaticamente con la morte di sette rocchigiani (quattro uomini, due donne e un bambino di soli 5 anni); l’ultimo ambiente è il Garage Cultura, che ricorda quei luoghi in cui venivano e in parte ancora oggi vengono riposti e conservati oggetti legati al lavoro, alle attività casalinghe, allo svago, ai ricordi.

L’EtnoMuseo è sede di un Centro di Interpretazione locale dell’Ecomuseo dell’Agro Pontino dal 2020, in seguito a una delibera della Giunta comunale.

Le tre sculture collocate lungo la scala dell’EtnoMuseo (foto A. Saccoccio, giugno 2022).

Le sale dell’EtnoMuseo.

“Quelli della rocca”, il lungo corridoio dedicato ai soprannomi rocchigiani
(foto Giorgio Serra, novembre 2020).

Habitus, l’ambiente dedicato alla vita agro-pastorale sui Monti Lepini, con una ricostruzione della tipica capanna in pietra, legno e stramma (foto Giorgio Serra, novembre 2020).

Eros Ciotti e Concetta d’Agata all’interno dell’EtnoMuseo (foto A. Saccoccio, novembre 2020).

Indirizzo

Indirizzo:

-

GPS:

41.524618713618686, 13.156640548433991

Telefono:

-

Email:

-

Web:

-